NOTA! Questo sito utilizza i cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

a cura del Prof. David Giovanni Leonardi (docente di Storia ed Estetica Musicale)

 

23 ottobre 2017

Nuovo capitolo della collaborazione tra i Conservatori di Udine e Bolzano venerdì prossimo al “Tomadini”

Il lungo rapporto di collaborazione tra i Conservatori di Musica “Jacopo Tomadini” di Udine e “Claudio Monteverdi” di Bolzano rappresenta un pilastro dell’attività culturale delle due istituzioni sia dal punto di vista del confronto creativo tra docenti e studenti di Composizione, costantemente impegnati nella creazione di nuove opere in occasione degli incontri annuali che si svolgono nelle due sedi, sia quale stimolo alla formazione di assiemi strumentali congiunti e costantemente rinnovati in vista delle prime esecuzioni assolute. L’appuntamento con le nuove pagine, quest’anno incentrate sul tema della musica americana, e con l’Ensemble di musica contemporanea diretto da una figura di assoluto prestigio quale Stefano Ferrario, è per venerdì prossimo, 27 ottobre alle ore 18 al Conservatorio di Udine con ben undici nuove composizioni proposte da docenti e studenti delle due istituzioni: Soundline Alpha di Massimo Fabbris, Metamorphose di Francesca Francescato, Rose per clarinetto basso e orchestra (1. Theme, 2. Le fabuleux destin, 3. Woland, 4. JB115, 5. He’s back) di Maria Beatrice Orlando, Spark di Giulio Gerloni, Orchestrazione del tema assegnato da H. Unterhofer e Pressure di Antonio Zompì, Bird and Hunters di Luca Macchi, Roquen di Karen Barchetti e L’astronauta di Palenque di Andrea Azetta. Il concerto sarà arricchito dal contributo creativo dei docenti di Composizione del Conservatorio di Udine Renato Miani con La gabbia di Heinrich e Mario Pagotto con La passacaglia del vecchio cacciatore ubriaco e dalla proposta di un grande nome della musica statunitense, John Adams, con Son of Chamber Symphony (III movimento); sarà pure prevista un’inedita conclusione, l’esecuzione di tre brevi e ironiche variazioni su tema proposto dal direttore del Conservatorio di Bolzano e sviluppate “in singolar tenzone” dai docenti di Composizione. L’Ensemble di musica contemporanea è formato da Chiara Boschian Cuch (flauto), Gabriele Bressan (oboe), Giulia Santarossa (clarinetto), Tania Haunzwickl (clarinetto basso), Paolo Dreosto (fagotto), Nicola Fattori (corno), Alberto Domini (tromba), Niccolò Serpentini (trombone), Daniele Badioni e Felice di Paolo (percussione), Giacomo Scaringella (pianoforte), Massimiliano Cova e Alessio Venier (violino), Luca Geat (viola), Sofia Best Pastrana (violoncello) e Roberto Amadeo (contrabbasso). Il concerto sarà replicato il giorno successivo, 28 ottobre alle ore 18, presso la Sala Michelangeli del Conservatorio “Monteverdi” di Bolzano.
L’evento è il penultimo appuntamento del cartellone “Concerti e Conferenze” del Conservatorio di Udine, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli e Comune di Udine.

 

19 ottobre 2017

Concerti-Esame degli studenti del Biennio di secondo livello

Nell’imminenza della conclusione dell’anno accademico in corso, accanto alla programmazione dei “Concerti degli Studenti” il Conservatorio di Udine promuove, come da tradizione consolidata, l’articolato ciclo dei “Concerti-Esame” progettati quale prova finale degli studenti del Biennio specialistico a indirizzo interpretativo-compositivo.
Il ciclo ha avuto inizio il 18 settembre e, nell’arco dei cinque concerti-esame già svoltisi, durante i quali largo spazio è stato offerto alla musica da camera del Novecento, sono stati prtagonisti gli studenti Irene Ellero, Marina Ferro e Giorgia Poti (flauto), Nicola Zampis (oboe), Alessandro Bressan e Marta Casarin (fagotto), Vanja Radlovački (violino), Andrea Boscutti (pianoforte), Sonia Dainese e Sofia Masut (arpa), Riccardo Sist (chitarra).
La programmazione prosegue nella sede del “Tomadini” con ulteriori sei concerti programmati in orari diversi a partire da lunedì prossimo 23 ottobre e fino a martedì 31 ottobre.

Lunedì 23 ottobre - ore 16
Salvatore Angileri, canto
Matteo Colavitto – Isabella Ius, clarinetto
con la collaborazione di:
prof. Fabrizia Maronese – Daniele Bonini – Roberto Brandolisio, pianoforte
Musiche di Verdi, Schoeck, Schumann

Mercoledì 25 ottobre - ore 16
Salvatore Angileri, canto
Manuela Della Bianca, flauto
con la collaborazione di:
prof. Fabrizia Maronese – Daniele Bonini, pianoforte
Musiche di Fauré, Prokof’ev, Puccini, Vivaldi

Giovedì 26 ottobre - ore 11
Giulio Molinaro, tromba
Giovanni Ziraldo, trombone
Cosimo Salvemini, basso tuba
con la collaborazione di:
prof. Fabrizia Maronese – Giovanni Molaro, pianoforte
Musiche di Bernstein, Brahms, Haydn, Hydas, Koetsier, Persichetti

Lunedì 30 ottobre - ore 11
Giovanni Di Lena – Vanja Radlovački, violino
con la collaborazione di:
Matteo Murdocco, oboe
Alessio Domini, pianoforte
Musiche di Bach, Bruch, Mozart

Lunedì 30 ottobre - ore 16
Matteo Colavitto – Isabella Ius, clarinetto
Sofia Masut, arpa
con la collaborazione di:
Tommaso Zanello, pianoforte
Musiche di Arnold, Crusell, Hasselman, Mathias, Walter-Kune, Widmann

Martedì 31 ottobre - ore 16
Stefano Fornasaro, flauto Jazz
Miriam Foresti, canto Jazz
con la collaborazione di:
Emanuele Filippi, pianoforte
Musiche di Barron, Foresti, Fornasaro, Jarrett, Jobim, King/Young/Alstyne, Monk, Parker, Shorter

 

16 ottobre 2017

Primo concerto in Italia dell’Athenia Trio dell’Ohio University giovedì prossimo al Conservatorio di Udine

Grande attesa per il concerto cameristico progettato nell’ambito del ciclo “America!” e in programma al “Tomadini” giovedì prossimo 19 ottobre alle ore 17; protagonista l’ensemble strumentale Athenia Trio, fondato nell’anno 2009 a Athens da tre insegnanti dell’Ohio University, la flautista Alison Brown Sincoff, l’oboista Michele Fiala e il fagottista Matthew Morris. Di estremo interesse il programma concertistico proposto, comprendente brani contemporanei statunitensi in prima esecuzione italiana. Il concerto prenderà avvio da Quattro miniature (1983) di Clyde Thompson per proseguire con I ciechi e l’elefante (First: Muro, Second: Lancia, Third: Serpente, Fourth: Albero, Fifth: Ventilatore, Sixth: Corda) con proiezione d’immagini e voce recitante, ciclo dedicato nell’anno 2014 all’Athenia Trio dal giovanissimo Robbie McCarthy; l’avvicente programma proseguirà con Trio de la fiesta mayor (Preludio, Oración, Tamboril, Procesión, Sonata) composto nel 1953 dall’argentino Eduardo Grau, Impromptu (1988) di Libby Larsen per terminare con Tratti di pennello (Monet, Seurat, Van Gogh, Pollock), dedicato tre anno or sono alla formazione dalla compositrice americana Alyssa Morris.
L’eccezionale evento è inserito nel cartellone “Concerti e Conferenze” del Conservatorio di Udine, realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli e Comune di Udine.